Condividi
Preferiti
Crea itinerario fino qui
Fitness
Trekking

Tesori Nascosti: A Nago, lungo le vie della fede contadina

Trekking · Lago di Garda
Responsabile del contenuto
Garda Trentino Partner verificato  Explorers Choice 
  • Capitello di San Giuseppe, Nago
    / Capitello di San Giuseppe, Nago
    Foto: IAT Garda Trentino, Garda Trentino
Cartina / Tesori Nascosti: A Nago, lungo le vie della fede contadina
0 150 300 450 m km 1 2 3 4 5 6 7 8

Facile passeggiata tra Torbole sul Garda e Nago che collega tra loro diversi luoghi di culto e altri segni di religiosità contadina diffusi nella campagna. 

facile
8,9 km
3:19 h.
210 m
212 m

Il percorso unisce  diversi luoghi legati alla fede contadina: chiesette e capitelli che costituivano un tempo punto di riferimento essenziale per la popolazione locale. L'importanza di questa devozione traspare dalla diffusione di questi segni sacri, sia nei centri abitati che nella campagne circostanti. L'itinerario parte dal centro di Torbole e porta, su vie secondarie, fino a Passo San Giovanni, porta di accesso al Garda Trentino.

Il rientro coinvolge la storica “Via di Santa Lucia” che fu scenario, nel 1439, dell'impresa nota come “Galeas per Montes”. Brescia, alleata di Venezia, era minacciata dalle truppe milanesi ed era necessario intervenire in sua difesa. I veneziani risalirono l'Adige con 25 barconi e 6 galere, che furono poi smontate e trasportate con l'ausilio di ben 2000 buoi al porto di Torbole, passando proprio dalla valletta di Santa Lucia. Nel 1440 la piccola flotta sconfisse i milanesi ed espugnò Riva del Garda.

Consiglio dell'autore

Lungo la Via di Santa Lucia si possono seguire i passi di Goethe con l'itinerario “A Torbole con Goethe” 

outdooractive.com User
Autore
Valentina Bellotti
Ultimo aggiornamento: 11.02.2019

Difficoltà
facile
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
276 m
Punto più basso
65 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Consigli per la sicurezza

Gli itinerari “Tesori Nascosti” sono stati ideati per far conoscere le località meno note e le strade meno battute del Garda Trentino: per questo motivo spesso lungo il percorso la segnaletica è eterogenea o del tutto assente. Si raccomanda perciò di ricorrere a una buona mappa dell'area da portarsi durante l'escursione. Ricordatevi poi i riferimenti geografici di massima: Lago di Garda = sud, monte Stivo = est, Rocchetta = ovest, Castello di Arco = Nord.

Il numero di telefono per le emergenze è il 112.

Le informazioni contenute in questo scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche.

Attrezzatura

Le escursioni in montagna richiedono abbigliamento e attrezzatura specifica. Anche in occasione di uscite relativamente brevi e agevoli, è sempre meglio essere ben equipaggiati per non incorrere in spiacevoli sorprese e per fronteggiare imprevisti come ad esempio un temporale improvviso o un calo di energia.

Cosa portare per un trekking in montagna?

Nello zaino (per un'escursione giornaliera di norma si consiglia un 25/30L) è bene portare:

  • boraccia (1L)
  • snack (per esempio, frutta secca o cioccolato)
  • kit di pronto soccorso
  • giacca antivento
  • una maglia in pile
  • maglietta e calze di ricambio (possibilmente chiusi in un sacchetto di plastica)
  • indossate o almeno portate nello zaino un paio di pantaloni lunghi
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole
  • guanti
  • fischietto per farsi rintracciare in caso di emergenza
  • numero telefonico in caso di emergenza: 112

Indossate inoltre calzature adatte al percorso ed alla stagione. Il piano di calpestio dei sentieri può essere irregolare o sconnesso ed un paio di scarponcini vi proteggerà dalle distorsioni. Un pendio erboso, una placca di roccia o un sentiero ripido, se bagnati, possono diventare pericolosi senza calzature adeguate.

Per finire... ... non dimenticate la macchina fotografica! Servirà per immortalare l'escursione e gli innumerevoli scorci mozzafiato che il Garda Trentino nasconde ad ogni angolo. Se poi volete condividere con noi i vostri ricordi potete usare l'hashtag #GardaTrentino

Ulteriori informazioni e link

  • A Nago è possibile completare il percorso con la visita ai ruderi di Castel Penede, che sorgono in posizione panoramica su uno sperone roccioso con vista sul lago di Garda. Il castello è documentato fin dal Duecento e subì numerose vicissitudine, fino a quando venne distrutto dal Vendome nel 1703. Ridotto a rudere, fu usato come fonte di pietra da costruzione dagli abitanti di Nago per oltre due secoli; fu infine convertito in  postazione di artiglieria dall'esercito austro-ungarico durante la Prima Guerra Mondiale. Oggi è la meta ideale per una facile passeggiata con vista sul lago di Garda.
  • Per ulteriori informazioni su percorsi, attività, eventi  e hotel del Garda Trentino: APT Garda Trentino - Tel. +39 0464 554444 - www.gardatrentino.it

Start

Torbole sul Garda (67 m)
Coordinate:
Geografico
45.868949, 10.875979
UTM
32T 645603 5081198

Arrivo

Nago

Percorso

A Torbole:
Si parte dal vecchio porticciolo di Torbole presso la Casa del Dazio. Attraversata la strada si prosegue lungo via Fitta (immagine sacra in una teca), via Segantini, via Pescicoltura (cappella votiva della famiglia Romani). Tornando indietro verso piazza Goethe, si svolta in direzione della chiesa di San Andrea (notare l'iscrizione “JHS” - Jesus Hominum Salvator -) e si prosegue poi verso Nago risalendo dapprima via Pontalti e poi l'antica via di Santa Lucia (qui tre capitelli, dedicati rispettivamente alla Madonna, a Santa Lucia e a San Leopoldo Mandic); All'inizio della via, notare la targa in memoria di “Galeas per Montes”.

A Nago:
Giunti a Nago dalla via di Santa Lucia, al primo bivio si svolta a destra seguendo l'indicazione del sentiero SAT 601 e si prosegue fino al capitello di San Giuseppe. Lì si svolta a sinistra e si prosegue verso nord lungo la strada attraverso i  campi (“Località Crone”) fino ad oltrepassare la centrale del gas. Poco oltre si incontra il capitello di San Pietro e si svolta a destra per imboccare la strada che porta al Passo San Giovanni. Su una roccia sovrastante la strada provinciale si può vedere il capitello dedicato a San Giovanni Nepomuceno. Tornati al capitello di San Pietro, si prosegue verso Nago lungo Via Scuole. In via Forni nei pressi del cimitero si svolta a destra per raggiungere la chiesa di San Rocco (XVI secolo) e poi a sinistra in via De Bonetti (a metà di questa via, in alto su un muro sulla destra, si trova un'immagine votiva tuttora trafitta dai proiettili della seconda Guerra mondiale). Proseguendo si incontra la chiesa di San Vigilio (XII secolo, ricostruita nel XVI). Sul lato opposto della strada, un portico conduce in via Naschione (dopo alcuni metri, su una casa si nota la targa recante l'iscrizione “JHS”). Da qui si ritorna alla chiesa di San Vigilio.

Per rientrare a Torbole si ripercorre la via di Santa Lucia, oppure si raggiunge la vicina fermata dell'autobus svoltando a destra e poi a sinistra in via Sighele.

Mezzi pubblici

Raggiungibile con mezzi pubblici

Torbole e Nago sono collegate agli altri centri del Garda Trentino dalla linea urbana 3 ed extraurbana 332 di Trentino Trasporti. A Nago la fermata per il rientro si trova in via Strada Rivana (accesso diretto a metà di via Sighele prima dell'edicola). Info e orari: www.gardatrentino.it 

Riva del Garda e Torbole sul Garda sono raggiungibili anche con il servizio di navigazione pubblica. Per informazioni aggiornate su orari e tratte: www.gardatrentino.it

Come arrivare

Come raggiungere il Garda Trentino: www.gardatrentino.it 

Dove parcheggiare

A Torbole è possibile parcheggiare, a pagamento, al parcheggio in via Strada Granda, in via Lungolago Conca d'Oro e al parcheggio Panorama. A Nago si può parcheggiare gratuitamente al parcheggio “Al Coel”, il cui ingresso si trova sulla rotatoria (non adatto a camper e veicoli lunghi).

Calcola il viaggio per arrivare in treno, in macchina, a piedi o in bicicletta.

Mappe e cartine consigliate

  • Cartina "Tesori Nascosti", disponibile gratuitamente negli uffici informazione di Riva del Garda, Arco e Torbole sul Garda

Libri & cartine

Mostra tutto

Cartine consigliate

Mostra tutto


Domanda e risposta

Fai la prima domanda

Hai dei dubbi? Scrivi la tua domanda e fatti aiutare dalla community!


Recensioni

Sei il primo

Condividi la tua esperienza!


Foto aggiuntive


Difficoltà
facile
Lunghezza
8,9 km
Durata
3:19 h.
Salita
210 m
Discesa
212 m
Raggiungibile con mezzi pubblici Itinerario circolare Rilevanza culturale / storico Panoramico Ristori lungo il percorso

Statistica

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Sposta le frecce a sinistra e a destra per cambiare il ritaglio visualizzato.